Agrigento, l’acqua e il coronavirus

Qualche decennio fa, ad Agrigento, una antica e importante città occidentale, si aprì la questione dell’acqua. Il prezioso liquido mancava nelle case degli agrigentini, si parlava di turni di erogazione, di autobotti, di serbatoi, perchè nessuno era in grado di garantire una decente organizzazione dei servizi pubblici. Ad Agrigento venne Papa Giovanni Paolo II e, … Leggi tutta l’opinione

La foresta che cresce

Rivoluzione può significare un vasto mutamento in una situazione preesistente, che può avvenire con lentezza e senza violenza. È quello che sta accadendo, zitto tu e zitto io, senza che nessuno lo veda, come le cose troppo vicine o troppo lontane. I dati accumulati dalle grandi centrali informative globali sono una foresta cresciuta nel silenzio, … Leggi tutta l’opinione

La voce debole dell’élite, quella forte del Papa e la politica assente

In televisione e sui giornali, ma non (ancora) sui nuovi media, seguitano a  dire la loro direttori di grandi giornali e alti funzionari di istituzioni finanziarie. Non più, per ragioni chiarite da La Repubblica è sulle spalle del Presidente, la potente casta dei giudici, che è stata colpita da una gravissima crisi di credibilità e … Leggi tutta l’opinione

L’Occidente in polvere

La droga evoca la crisi dell'Occidente

Batman, l’uomo-pipistrello, lotta contro il crimine perchè ha un passato complicato: da bambino vide i genitori essere uccisi dai rapinatori. Ogni azione eroica nasce dalla sofferenza. Escludere il dolore dalla condizione umana è una pericolosa illusione. Uno dei capi della mafia americana, in un celebre summit, prese la parola e si oppose disperatamente, desperately, come … Leggi tutta l’opinione